Liberamente

Progetto: Disturbi dell’apprendimento:  agire oltre si può, farlo si deve

PROGETTO

Liberamente Onlus si occupa di disagio scolastico e difficoltà di apprendimento.  Accoglie i ragazzi con metodi non convenzionali, non clinici, il principio è non essere orientati al problema ma andare oltre: non ci sono ragazzi dislessici o iperattivi, ma solo ragazzi con intelligenze diverse e talenti differenti, con diversi modi di imparare. Purtroppo il nostro sistema scolastico ha un unico modo di insegnare e i ragazzi che ne sono esclusi lo vivono con difficoltà e disagio. Per aiutarli, Liberamente fa in modo che diventino consapevoli delle loro qualità e puntino su di esse. In un ambiente emotivamente protetto, attraverso giochi da tavolo che sono vere simulazioni della vita, si accorgono delle strategie intellettuali che utilizzano, delle capacità logiche che mettono in campo, del dialogo interiore che sfruttano, delle abilità relazionali che non sanno nemmeno di possedere. Quando i ragazzi scoprono le loro caratteristiche è una gioia vederli prendere possesso di loro stessi e incominciare a governare emozioni, situazioni e relazioni. Le prestazioni scolastiche che migliorano sono solo una conseguenza logica.

ATTIVITÀ

Le chiavi del successo di Liberamente onlus, come risposta al bisogno di integrazione scolastica di alunni in marcata difficoltà cognitiva e/o relazionale rispetto alle varie offerte tradizionali sia pubbliche sia private, risiede nell’approccio e nel metodo innovativo e non convenzionale che si basa sulle più recenti scoperte delle neuroscienze (neuroplasticità, intelligenze multiple, stili di pensiero) e che per sintesi può essere identificata nei seguenti punti:

  1. approccio non clinico ma relazionale con l’obiettivo di aiutare il minore a non viversi identificato con il suo problema ma a focalizzarsi sulle proprie risorse per far fronte al problema;
  2. riconoscimento della disabilità, ma spostamento del focus di intervento sui talenti e le risorse della persona;
  3. attività NON basata su un protocollo, ma su percorsi individuali e personalizzati ad personam;
  4. presa in carico del minore in difficoltà e parallela promozione di sinergie facilitanti in tutta la rete di riferimento (famigliari, insegnanti, educatori, …);

spazi, arredi, materiali, metodologie, nonchè operatori scelti e formati secondo un modello esclusivo.

OBIETTIVI

Il progetto per sostenere l’attività di Liberamente onlus è pertanto quello di contribuire:

  • da un lato per diminuire i costi a carico delle famiglie, in modo sia da alleggerire gli oneri sia per allargare l’accessibilità del servizio anche alle famiglie in condizioni meno fortunate;
  • dall’altro adeguare le entrate per garantire la risposta al fenomeno in termini di professionalità e continuità degli operatoriadeguamento degli spazi operativi.